Europa Ædificanda Est

L’emergenza sanitaria di Covid-19 ha posto l’Unione Europea (UE) dinanzi a un bivio:
rilanciare i valori fondanti del processo di integrazione oppure disgregarsi.
La pandemia si è trasformata in una vera e propria Prova sulla prosecuzione o meno del progetto comunitario.
Essa, infatti, ha imposto all’Unione Europea e ai suoi Stati membri di reagire in maniera rapida, compatta e solidale, in un’ottica unitaria e di lungo periodo, recuperando, al contempo, lo spirito di solidarietà che aveva mosso i suoi fondatori.

Il carattere transnazionale della crisi pandemica e delle sfide che caratterizzano il processo di integrazione (e non solo) hanno rivelato l’inefficacia e l’inadeguatezza degli strumenti a disposizione dei singoli Stati membri.
Anche l’attuale contesto internazionale rende evidente l’esigenza di rafforzare il ruolo dell’Unione sullo scacchiere geopolitico globale.

Una realtà di cui tutti gli Stati membri dell’UE devono rendersi consapevoli e che dovrebbe spingerli ad affermare con forza Europa Ædificanda Est.

Il Progetto Europa Ædificanda Est (2019-2021) si propone di:

  • diffondere e aggiornare i contenuti della Carta programmatica (redatta da OGIE nel 2019) alla luce dei recenti avvenimenti e dell’attuale contesto geopolitico internazionale;
  • aprire un dibattito a diversi livelli sulle tre macro-aree in cui si articolerà la Carta programmatica aggiornata: Economia e Politiche sociali dell’Unione EuropeaAzione esterna dell’Unione EuropeaDigitalizzazione e Comunicazione.