LA GIORNATA INTERNAZIONALE DELL’EDUCAZIONE

Il 24 gennaio, il mondo celebra la Giornata internazionale dell’educazione: una iniziativa promossa dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite al fine di riconoscere la centralità dell’educazione nella vita degli individui.

QUANDO È NATA

Proclamata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite con la risoluzione 73/25 del 3 dicembre 2018, la ricorrenza ci ricorda il ruolo fondamentale che l’educazione riveste per lo sviluppo umano e il benessere della persona.

IL DIRITTO ALL’ ISTRUZIONE

Il diritto all’istruzione è stabilito all’articolo 26 della Dichiarazione universale dei diritti umani. 

La Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza invece, adottata a New York il 20 novembre 1989, invece, stabilisce che i Paesi garantiscono l’istruzione superiore accessibile a tutti.

Con la sottoscrizione dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile nel settembre 2015, l’Organizzazione delle Nazioni Unite ha voluto evidenziare come l’educazione sia collante essenziale per il conseguimento di tutti i 17 obiettivi dell’Agenda ONU 2030.

L’obiettivo strategico dedicato all’istruzione è il numero 4, e mira a «garantire un’educazione di qualità inclusiva ed equa e promuovere opportunità di apprendimento permanente per tutti» entro il 2030[1].

LE RIPERCUSSIONI DEL COVID-19 SULL’ISTRUZIONE

La pandemia di Covid-19, che ha colpito tutti i Paesi del mondo, ha avuto un impatto devastante sull’istruzione, portando alla sospensione dell’apprendimento in presenza- causato dalla chiusura delle scuole (di ogni ordine e grado).

A seguito dell’interruzione delle lezioni scolastiche in presenza in 190 Paesi, 1,6 miliardi di studenti sono rimasti a casa.

Questo ha causato il blocco di diversi programmi di alfabetizzazione e apprendimento.

Le conseguenze più dure si sono riscontrate soprattutto nei Paesi più bisognosi dove, a causa della povertà dilagante, gli studenti, rimasti a casa, non hanno avuto accesso alla didattica a distanza[2].

PERCHÉ CELEBRARE QUESTA RICORRENZA

L’inizio di ogni nuovo anno porta sempre con sé buoni propositi. Forse, è proprio questo il momento giusto per intensificare la collaborazione e la solidarietà internazionale.

Scopo comune deve essere quello di porre l’istruzione e l’apprendimento permanente al centro della vita degli individui e, anche dei programmi di governo.

Questo, forse, potrebbe costituire il primo passo per la trasformazione delle nostre società in spazi più inclusivi, sicuri e sostenibili.


[1] https://www.un.org/en/observances/education-day

[2] https://donboscoitalia.it/cs-missioni-don-bosco-24-gennaio-giornata-mondiale-delleducazione/

0 Shares:
You May Also Like
Foto di Jean Claude Juncker
LEGGI

Una analisi del discorso di Juncker

Durante la giornata del 13 settembre scorso, si è tenuto a Strasburgo l’attesissimo discorso sullo stato dell’Unione, in cui il Presidente della Commissione europea, dinanzi al Parlamento europeo, ha analizzato i traguardi raggiunti dall’UE nell’anno appena trascorso e ha presentato le priorità per quello successivo, fissando i principali obiettivi che l’Unione dovrà perseguire e raggiungere entro il 2025.
LEGGI
Aula 5 LUMSA durante Workshop OGIE
LEGGI

La crisi dell’Euro e dell’Eurozona e il post-Brexit.

A ormai quasi sessant’anni dall’evento storico della firma dei Trattati di Roma, guardare avanti «con responsabilità verso noi stessi, verso i più deboli di oggi, verso le generazioni future e, perché no, anche con un po’ di rispetto verso i tanti europei che hanno dato la propria vita per il progetto europeo» è l’invito che Giovanni Ferri, professore di European Values in the Global Economy, International Economics e Macroeconomia presso la Libera Università Maria Ss.
LEGGI
Monete e piantine
LEGGI

Economia circolare e occupazione: opportunità e costi

Si sente spesso parlare dei costi della sostenibilità ambientale, in termini di crescita e occupazione. Il timore è che l'adozione di un nuovo modello economico, ritenuto troppo dispendioso in relazione agli investimenti, possa, in fin dei conti, danneggiare le aree e i settori economicamente più vulnerabili. Ma è davvero così? In realtà, passare all'economia circolare sarebbe conveniente non solo in termini di tutela dell'ambiente, ma anche, e soprattutto, economici e occupazionali.
LEGGI