In Portogallo l’amore è ricamato: i fazzoletti degli innamorati.

Lenços dos Namorados, Portugal

E’ una delle tradizioni portoghesi meno conosciute e più romantiche. Un’ usanza artigianale che stava scomparendo ma che sembra essere stata recuperata proprio negli ultimi anni: parliamo dei “fazzoletti degli innamorati”Lenços dos Namorados . Questa è diffusa in particolare nelle regioni del Minho, Douro Litoral, Trás-os-Montes, Beira-Alta, Alentejo e Açores. Il fazzoletto degli innamorati è conosciuto anche come lenços de pedidos, ovvero “fazzoletti delle richieste”. Ma per chiedere cosa? Si tratta di un fazzoletto di lino o di cotone decorato con vari motivi e utilizzato in passato dalle donne in cerca di marito. L’usanza vuole che questo fazzoletto venisse ricamato e donato dalla donna all’amato.

All’origine della tradizione

Esistono diverse versioni sull’origine di questa usanza: secondo alcuni deriva dall’abitudine dei signorotti locali di portare con sé un fazzoletto. Questa abitudine viene poi imitata dalle popolane che, il fazzoletto, lo ricamano. Secondo altri invece, l’usanza è da attribuire alle donne del XVII-XVIII secolo che ricamavano per diletto. All’inizio questi fazzoletti erano usati per decorare i vestiti, ma con il tempo hanno acquisito una ulteriore funzione: dichiarare il proprio interesse amoroso. Le ragazze in età da marito infatti, avevano l’abitudine di ricamare fazzoletti con motivi che richiamassero all’amore: frasi, disegni vari, simbologie amorose segrete.

Il fazzoletto ricamato come dichiarazione d’amore...

Secondo la tradizione, le ragazze indossavano il loro fazzoletto ricamato la domenica, mettendolo bene in vista, appeso alle gonne o nelle tasche dei grembiuli. Le ragazze lo offrivano poi come pegno d’amore all’amato prescelto. Se costui ricambiava l’interesse, iniziava, a sua volta, a mostrarlo pubblicamente: al collo, annodato al bastone, nella tasca della giacca. Se l’amore non era contraccambiato, il fazzoletto veniva restituito. E se l’amore finiva? Il ragazzo restituiva tutti gli oggetti scambiati durante il cosiddetto namoro – fotografie, lettere, oggetti.

…o per prendersi gioco delle donne innamorate.

Poteva inoltre  accadere che i fazzoletti diventassero oggetto di scherzo. Durante le feste,  alcuni ragazzi già impegnati rubavano i fazzoletti ad altre ragazze in cerca di marito, fingendo così un legame. Questo portava a gelosie e litigi tra le due contendenti. I fazzoletti infatti costituivano una vera e propria dichiarazione d’amore ricamata: piccole poesie, cuori, uccelli, motivi floreali, simboli che legavano segretamente i due amanti. Trattandosi di una tradizione di origine contadina, spesso le ragazze ricamatrici erano poco alfabetizzate. Questo è il motivo per cui negli esemplari di lenços dos namorados più antichi sono frequenti numerosi errori grammaticali.

I Lenços dos Namorados oggi

La compagnia aerea portoghese TAP ha fatto molto per promuovere questa antica pratica artigianale. Infatti, in occasione di San Valentino, qualche anno fa decorò i sedili degli aerei proprio con i lenços dos namorados tipici della zona del Minho. Ma come si fa a riconoscere un autentico fazzoletto degli innamorati portoghese? Esiste una commissione incaricata di certificarne l’autenticità. Infatti i tradizionali lenços dos namorados misurano tra i 40 e i 60 cm. Inoltre, per i ricami si possono utilizzare tutti i colori -sebbene si prediligano quelli primari. Per quanto riguarda i simboli, si utilizzano prevalentemente fiori, cuori, navi, farfalle, lettere.
Ricamare è un’arte antica che si perde nel tempo e che, un po’ come l’amore, richiede infinita cura, pazienza e attenzione. Penelope che aspettava il suo Ulisse lo sapeva bene.


0 Shares:
You May Also Like
Monete e piantine
LEGGI

Economia circolare e occupazione: opportunità e costi

Si sente spesso parlare dei costi della sostenibilità ambientale, in termini di crescita e occupazione. Il timore è che l'adozione di un nuovo modello economico, ritenuto troppo dispendioso in relazione agli investimenti, possa, in fin dei conti, danneggiare le aree e i settori economicamente più vulnerabili. Ma è davvero così? In realtà, passare all'economia circolare sarebbe conveniente non solo in termini di tutela dell'ambiente, ma anche, e soprattutto, economici e occupazionali.
LEGGI