Elezioni tedesche, Wendt (CDU): “Ue data per scontato, continui a farsi vedere concretamente”

presidente Kanter al Convegno KAS
OGIE

ROMA, 25 Maggio 2017 – “Da noi l’Europa è sempre importante e addirittura scontata quando parliamo di certi temi, quali immigrazione e legge sulla privacy”. A parlare è Marian Wendt, vice presidente del gruppo italo-tedesco del Bundestag, membro della Commissione Affari interni del Parlamento e della Commissione Agenda digitale, nel corso di una tavola rotonda organizzata mercoledì a Roma dalla Rappresentanza in Italia della Konrad-Adenauer-Stiftung (KAS). Il tema è quello delle elezioni federali del 24 settembre, quando la Germania sarà chiamata a scegliere i membri del nuovo Bundestag, con i partiti più grandi CDU (Unione Cristiano-Democratica di Germania) e SPD (Partito Socialdemocratico di Germania) che hanno schierato come candidati alla cancelleria Angela Merkel e Martin Schulz. La prima governa dal 2005, il secondo è stato presidente del Parlamento europeo dal 2012 al gennaio 2017.

Mentre in Francia un forte vento antieuropeista ha rimesso al centro delle elezioni l’Unione così duramente attaccata dalla destra di Marine Le Pen, “in Germania, no, non mettiamo in forse l’Ue” come tema elettorale. Né, conferma Wendt, esiste nel Paese un sentimento populista che metta in discussione l’appartenenza o la stabilità dell’Unione. L’unico “sentimento” che tra la popolazione rileva il parlamentare tedesco è il bisogno che “l’Europa continui a farsi vedere concretamente tra i cittadini, non solo su finanza, viaggi e sociale, ma soprattutto sulle migrazioni”, tema caldo per questa Unione europea a 60 anni dalla sua fondazione.

“La gente si aspetta una presa di posizione chiara da parte dell’Ue: chi ha diritto di entrare, come stabilizzare la Libia, come difendere le frontiere. Di certo si registra un ‘No’ a un movimento migratorio incontrollato”, ha spiegato Wendt, sottolineando che Bruxelles “non può lasciare soli certi Stati, come l’Italia” e indicando l’importanza degli accordi di cooperazione: “Quando in Serbia abbiamo portato poliziotti e videocamere, la migrazione illegale si è ridotta immediatamente”.

Alla possibilità di istituire un bilancio dell’Eurozona come pensato dal neo-eletto presidente francese Emmanuel Macron, Wendt si è detto contrario: “Abbiamo già un bilancio europeo, con un fondo di coesione”. E inoltre, “sono molto prudente sulla comunitarizzazione dei debiti, si rischia di andare oltre la volontà dei cittadini. Non vogliamo pagare debiti altrui”.

Per Wendt, “innovazione” è la parola chiave quando si parla di esportazione: “Trump ci accusa del fatto che negli USA ci sono più macchine tedesche di quante ce ne siano di americane in Germania. Non può pensare di chiudere il mercato, piuttosto migliori il prodotto”. Innovare è anche la sfida rispetto alla disoccupazione, quando diventa strutturale: “In Germania l’8% dei giovani non sono qualificati. La questione diventa allora unire offerta formativa ed esperienza pratica”.

A quattro mesi dalle elezioni federali, “è ancora difficile prevedere cosa potrebbe accadere. Noi [CDU, ndr], siamo consapevoli che il 30-40% degli elettori decide cosa esprimere alle urne nelle ultime 72 ore prima del voto, ore cruciali. Sappiamo anche che il vincitore sarà deciso su basse percentuali e che quindi ogni voto conta, per questo continueremo a lavorare bene fino alla fine”. Questo significherà, spiega Wendt, continuare a insistere su “pochi temi e molto concreti”, tra i quali “sicurezza e (anti)terrorismo, specificatamente la richiesta di più funzionari di polizia, promozioni per chi costruisce una casa e l’abolizione della doppia cittadinanza per cittadini non dell’Ue”.

A cura di
Anna Serafini

0 Shares:
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
Il logo di Factmata: linee orizzontali arrontondate con una spunta blu. Factmata è un servizio per contrastare le fake news.
LEGGI

Contrastare le fake news?

Se fosse possibile verificare ogni notizia sul web? Sarebbe solo un’illusione oppure potrebbe essere una verità vicina? Forse Factmata potrebbe rendere questo mondo digitale utopico più pulito, più sicuro e più civile. La battaglia contro la disinformazione e la cattiva informazione è appena agli inizi, ma bisogna iniziare a combattere e a comunicare con consapevolezza.
LEGGI
Ragazzi dietro una scrivania che parlano
LEGGI

Workshop: Perché non possiamo non dirci europei (I)

Il 5 marzo 2019, presso l’Aula 5 della sede LUMSA di Piazza delle Vaschette, si è svolto il primo dei tre workshop del ciclo Perché non possiamo non dirci europei. Attraverso questa serie di incontri – organizzati in collaborazione con la Libera Università Maria Ss. Assunta (LUMSA) e la Rappresentanza in Italia della Konrad-Adenauer-Stiftung (KAS) – l’Osservatorio Germania-Italia-Europa (OGIE) si propone di ragionare sul significato e sulle motivazioni storiche e culturali tanto del processo di integrazione, quanto e soprattutto del nostro essere europei; il tutto nel tentativo di comprendere le cause poste alla base della crisi potenzialmente disgregatrice che l’Unione sta vivendo e rilanciare i temi dell’integrazione, anche in vista delle elezioni europee che vedranno coinvolti in prima persona i cittadini dei 27 Stati membri dell’UE.
LEGGI
Foto di Juncker
LEGGI

Eine Analyse von Junckers Rede

Das Osservatorio Germania Italia Europa (OGIE) hat sich als Arbeitsschwerpunkt für die kommenden Monate die Migrations- und Sicherheitspolitik, die nachhaltige Bewältigung der europäischen Wirtschafts- und Finanzkrise sowie Fragen zur Zukunft der Europäischen Union gesetzt.
LEGGI
Puzzle con bandiera europea e inglese
LEGGI

Fix It or Brexit

Sono state settimane cariche di eventi le precedenti per la Gran Bretagna: il 3 gennaio scorso le dimissioni a sorpresa di Sir Ivan Rogers, a pochi mesi dalla deadline indicata dal Governo di Theresa May per l’attivazione dell’articolo 50 del Trattato di Lisbona; il 16 gennaio la scelta della “linea dura” da parte del primo ministro britannico, che, in un discorso tenuto il giorno successivo a Lancaster House, ha affermato: «Cerchiamo una nuova partnership fra una Gran Bretagna globale, indipendente e sovrana e i nostri amici dell’Ue. Non vogliamo adesioni parziali, o qualsiasi cosa che ci lasci metà dentro e metà fuori».
LEGGI
Bandiera Europea e bandiera inglese divise a metà sul pavimento con un ragazzo che tiene un piede a destra e uno a sinistra sulle bandiere.
LEGGI

May to go: The Brexit’s next steps

Sono passati già sette mesi da quando, il 23 giugno, il popolo britannico ha votato per l’uscita del Regno Unito dall’Unione europea e probabilmente è il momento di fare un primo bilancio, per capire ciò che fino a ora è cambiato in Gran Bretagna, all’indomani del fatidico Leave.
LEGGI