Plot twist: Dorobantu

Una recentissima sentenza della Corte di Giustizia UE in tema di rifiuto di esecuzione di un Mandato d’arresto europeo (MAE) e in caso di rischio di trattamenti inumani o degradanti dovuti alle condizioni di detenzione nello Stato membro emittente.

In tema di rifiuto di esecuzione di un Mandato di Arresto Europeo (MAE) e in caso di rischio di trattamenti inumani o degradanti dovuti alle condizioni di detenzione nello Stato membro emittente è senza dubbio interessante segnalare una recentissima sentenza della Grande Sezione della Corte di Giustizia UE, pronunciata a seguito di un rinvio pregiudiziale (Causa C-128/18Dumitru-Tudor Dorobantu — del 15 Ottobre 2019).

Nella sentenza in esame i giudici della Corte hanno avuto cura di sottolineare che, al fine di valutare se esistano seri e comprovati motivi di ritenere che il detenuto correrà un rischio reale di essere sottoposto a un trattamento inumano o degradante, l’autorità giudiziaria dell’esecuzione di un Mandato d’arresto europeo, ove disponga di elementi oggettivi, attendibili, precisi, attestanti l’esistenza di carenze sistemiche o generalizzate delle condizioni di detenzione negli istituti penitenziari dello Stato membro emittente, deve tener conto dell’insieme degli aspetti materiali pertinenti delle condizioni di detenzione (ad esempio, lo spazio personale disponibile per detenuto in una cella tenendo conto dello spazio occupato dal mobilio, le condizioni sanitarie, l’ampiezza della libertà di movimento del detenuto).
Con particolare riferimento allo spazio personale disponibile per detenuto -prosegue la Corte -, l’autorità giudiziaria dell’esecuzione deve, in assenza, allo stato attuale, di regole minime in materia nel Diritto dell’Unione, tener conto dei requisiti minimi risultanti dall’articolo 3 della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali, firmata a Roma il 4 novembre 1950, come interpretato dalla Corte europea dei diritti dell’uomo. Se, per il calcolo di questo spazio disponibile, non si deve tener conto dello spazio occupato dalle infrastrutture sanitarie, tale calcolo deve però includere lo spazio occupato dal mobilio. I detenuti devono tuttavia conservare la possibilità di muoversi normalmente nella cella. La sentenza precisa altresì che non ci si deve limitare a controllare le insufficienze manifeste e che, ai fini di tale valutazione, l’autorità giudiziaria dell’esecuzione deve richiedere all’autorità giudiziaria emittente le informazioni che reputi necessarie e, in linea di principio, in mancanza di prove contrarie, dovrà fidarsi delle sue assicurazioni. Inoltre, l’autorità giudiziaria dell’esecuzione non può escludere l’esistenza di un rischio reale di trattamento inumano o degradante solo perché la persona interessata dispone, nello Stato membro emittente, di un mezzo di ricorso per contestare le condizioni della propria detenzione.

In linea con le sentenze del 5 aprile 2016, Aranyosi e Căldăraru (in particolar modo, sull’interpretazione del concetto dirischio concreto” e di trattamenti disumani o degradanti), e del 25 luglio 2018, Generalstaatsanwaltschaft (Condizioni di detenzione in Ungheria), la presente pronuncia contribuisce alla definizione delle garanzie che devono essere attuate al fine di assicurare il rispetto dei diritti fondamentali della persona consegnata in forza di un mandato d’arresto europeo in una situazione in cui il sistema penitenziario dello Stato membro emittente soffra di una carenza sistemica o generalizzata. In particolare, l’invito alla Corte posto in essere dal rinvio era quello di precisare l’intensità del controllo a cui l’autorità giudiziaria di esecuzione è tenuta a procedere al fine di valutare il rischio concreto di trattamento inumano o degradante al quale sarebbe esposta la persona interessata a causa delle proprie condizioni di detenzione nello Stato membro emittente, nonché i diversi fattori e criteri che la medesima è tenuta a prendere in considerazione ai fini di siffatta valutazione.

10 Shares:
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
Puzzle con bandiera europea e inglese
LEGGI

Fix It or Brexit

Sono state settimane cariche di eventi le precedenti per la Gran Bretagna: il 3 gennaio scorso le dimissioni a sorpresa di Sir Ivan Rogers, a pochi mesi dalla deadline indicata dal Governo di Theresa May per l’attivazione dell’articolo 50 del Trattato di Lisbona; il 16 gennaio la scelta della “linea dura” da parte del primo ministro britannico, che, in un discorso tenuto il giorno successivo a Lancaster House, ha affermato: «Cerchiamo una nuova partnership fra una Gran Bretagna globale, indipendente e sovrana e i nostri amici dell’Ue. Non vogliamo adesioni parziali, o qualsiasi cosa che ci lasci metà dentro e metà fuori».
LEGGI
Foto di Jean Claude Juncker
LEGGI

Una analisi del discorso di Juncker

Durante la giornata del 13 settembre scorso, si è tenuto a Strasburgo l’attesissimo discorso sullo stato dell’Unione, in cui il Presidente della Commissione europea, dinanzi al Parlamento europeo, ha analizzato i traguardi raggiunti dall’UE nell’anno appena trascorso e ha presentato le priorità per quello successivo, fissando i principali obiettivi che l’Unione dovrà perseguire e raggiungere entro il 2025.
LEGGI
Scritta #EUGreenDeal
LEGGI

Caratteristiche e finalità dello European Green Deal Investment Plan

Nel lanciare lo European Green Deal, la Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e il Vicepresidente Frans Timmermans hanno sottolineato come esso costituisca una vera e propria strategia di crescita per l’Unione. Il piano mira, infatti, a rendere l'Europa il primo continente al mondo a impatto climatico zero entro il 2050, dando contestualmente impulso all'economia, migliorando la salute e la qualità della vita delle persone e tutelando la natura, senza che nessuno venga escluso da questo processo.
LEGGI