L’anno elettorale 2017: il pericolo di una deriva populista

Nel corso di quest’anno l’Unione Europea sarà chiamata a fare i conti con il rischio derivante dall’affermazione politica dei partiti populisti e antieuropei e delle destre xenofobe.

Già nel mese di dicembre 2016, gli austriaci erano stati chiamati al voto per eleggere un nuovo presidente. In aprile, al primo turno, era risultato vincitore il leader del partito di estrema destra FPÖ (Freiheitliche Partei Österreichs, Partito della libertà austriaco), Norbert Hofer. Dopo la denuncia di irregolarità in occasione del ballottaggio tenutosi il 22 maggio tra lo stesso Hofer, e il leader dei Verdi, Alexander Van der Bellen, – la Corte Costituzionale austriaca aveva infatti annullato la votazione e richiamato gli austriaci al voto a fine anno. Il 4 dicembre, l’esito delle urne sanciva in via definitiva – con il 53,3% dei voti a favore – la vittoria del partito dei Verdi e dell’europeista Van der Bellen.

Anche in Romania – dopo il governo tecnico di Dacian Julien Cioloș, già Commissario all’Agricoltura dell’Ue -, nel dicembre scorso si sono svolte le elezioni politiche che hanno visto fronteggiarsi il blocco dei partiti nazionalisti contro i partiti europeisti. A spuntarla, al termine di una dura campagna elettorale è stato il Partito Socialdemocratico.

In precedenza, l’ondata populista, nazionalista, xenofoba e contraria all’Unione europa aveva portato al potere in Bulgaria e Moldova i partiti filorussi.

Il prossimo 15 marzo in Olanda la sfida vedrà fronteggiarsi Mark Rutte, conservatore e Primo Ministro in carica e Geert Wilders, leader populista, euroscettico e antislamico dall’altro, il quale ha proposto nel suo programma l’uscita del suo Paese dall’Ue.

I Francesi saranno chiamati alle urne il prossimo 23 aprile e 7 maggio. L’uscita di scena di Hollande e la mancata partecipazione alla competizione elettorale dell’ex presidente Sarkozy, potrebbero portare al ballottaggio Marine Le Pen, leader del partito di estrema destra e nazionalista Front National.

Nell’autunno 2017, infine, saranno i Tedeschi a votare per il rinnovo del Bundestag. Il candidato naturale è ancora la Cancelliera Angela Merkel (CDU), che punta a ricoprire il prestigioso incarico per la quarta volta, forte dei sondaggi che la vedono in testa con il 55% delle preferenze degli elettori intervistati. Tuttavia, nel suo discorso di candidatura, la Cancelliera ha dichiarato che “questa elezione sarà difficile come nessun’altra prima dalla riunificazione tedesca”.

Tale affermazione trae fondamento dal mutato scenario politico tedesco avvenuto negli ultimi anni, con l’ascesa del partito di estrema destra AfD  (Alternative für Deutchland) guidato da Frauke Petry. AfD propugna il ritorno alla sovranità dei Parlamenti nazionali, l’uscita graduale dall’euro, se necessario “l’uso delle armi da parte della polizia di frontiera per fronteggiare gli ingressi illegali dei migranti” ed una serie di misure protezionistiche in tema di politica economica.

Dopo l’attacco terroristico del 19 dicembre 2016 al mercatino di Natale di Breitscheidplatz a Berlino, tale formazione era data dai sondaggisti al 15%, numeri moltiplicati sfruttando anche i sentimenti provocati dall’eccidio e le accuse rivolte nei confronti della Cancelliera Merkel rea – a dire della stessa Frauke Petry – di non avere chiuso i confini ed espulso da tempo migranti irregolari e richiedenti asilo senza permesso di soggiorno.

Dal 2013 – anno della sua formazione – ad oggi, l’AfD ha raccolto i consensi dei sostenitori dei partiti di destra nonché degli elettori stanchi delle politiche dei partiti istituzionali tradizionali. Un’eventuale conferma di tali proiezioni alle prossime elezioni politiche comporterebbe l’ingresso nel Parlamento tedesco, per la prima volta dopo la caduta del nazismo, di un partito di estrema destra.

La preoccupazione maggiore nei mesi che precedono le elezioni politiche tedesche potrebbe essere l’inasprimento della dialettica politica, in relazione soprattutto alle tematiche sui flussi ed accoglienza dei migranti, con conseguente rottura degli equilibri sociali del Paese, da sempre attento a salvaguardare la libertà e la pacifica convivenza di molteplici e differenti culture.

A cura di
Simona Coi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
LEGGI

Una analisi del discorso di Juncker

Durante la giornata del 13 settembre scorso, si è tenuto a Strasburgo l’attesissimo discorso sullo stato dell’Unione, in cui il Presidente della Commissione europea, dinanzi al Parlamento europeo, ha analizzato i traguardi raggiunti dall’UE nell’anno appena trascorso e ha presentato le priorità per quello successivo, fissando i principali obiettivi che l’Unione dovrà perseguire e raggiungere entro il 2025.
LEGGI
Centro studi americano evento
LEGGI

GIUDIZI DALL’ESTERNO: UNO SGUARDO “DA LONTANO” SULL’EUROPA

Im Rahmen der Reihe „Positionen zu Europa“ organisierte das Auslandsbüro der Konrad-Adenauer-Stiftung in Italien anlässlich des 60. Jubiläums der Unterzeichnung der Römischen Verträge europapolitische Veranstaltungen mit internationalen Partnern aus Politik, Wirtschaft und Gesellschaft. Bei einer Podiumsdiskussion in diesem Rahmen wurde am 23. Mai 2017 über die Wahrnehmung Europas von Seiten Asiens und der Vereinigten Staaten diskutiert.
LEGGI
Evento presso l'Istituto Sturzo. Fila di relatori al convegno sulla democrazia in Europa
LEGGI

Rafforzare e tutelare la Democrazia in Europa

Il 2019 sarà un anno ricco di anniversari per l’Europa in generale e per l’Unione Europea in particolare: dal 40° anniversario delle prime elezioni a suffragio universale del Parlamento europeo, ai 15 anni del cosiddetto “grande allargamento”; dai 30 anni dalla caduta del Muro di Berlino, agli 80 anni dallo scoppio della Seconda guerra mondiale, sino al 10° anniversario dall’entrata in vigore del Trattato di Lisbona.
LEGGI