UE: scegliere se vivere o dissolversi

Grande sala colorata con tavolo circolare al centro
Eurogruppo ed ECOFIN, OGIE

L’Eurogruppo (24 marzo 2020)

#Cos’è?
L’Eurogruppo è un organo che riunisce i ministri dell’Economia e delle Finanze dei 19 Stati membri dell’Eurozona. Ha carattere informale, consultivo e preparatorio (in vista dei Vertici euro). Mira a favorire, attraverso il dialogo, il coordinamento delle politiche economiche tra i membri dell’area Euro. È solito riunirsi una volta al mese, alla vigilia dell’ECOFIN.

«Abbiamo avviato un dibattito su ulteriori forme di sostegno per rafforzare la gestione della crisi e preparare il terreno per la ripresa economica. Siamo impegnati a esplorare tutte le possibilità utili a sostenere le nostre economie in questi tempi difficili. La discussione è appena iniziata e c’è bisogno di più lavoro per arrivare al traguardo»[1]. Queste le parole con cui il ministro portoghese Mário Centeno, attuale presidente dell’Eurogruppo, aveva concluso la videoconferenza in formato inclusivo – perché ha coinvolto, oltre ai ministri dell’Economia e delle Finanze dell’Eurozona, anche quelli dei Paesi UE che non adottano l’Euro – il 24 marzo scorso.

Il Consiglio “Economia e Finanza” (26 marzo 2020)

#Cos’è?
Il Consiglio “Economia e finanza” – ECOFIN è composto dai ministri dell’Economia e delle Finanze di tutti e 27 gli Stati membri dell’Unione. È competente per la politica economica, le questioni riguardanti fiscalità, capitali e mercati finanziari, nonché dei rapporti economici con i Paesi terzi. Si riunisce mensilmente. Si occupa della preparazione e dell’adozione del bilancio annuale dell’UE.

Una dichiarazione – quella di Centeno – che aveva rinviato all’ECOFIN (il Consiglio “Economia e finanza”) di giovedì (26 marzo). Il vertice ha fatto registrare un nuovo stallo nel funzionamento e nell’avanzamento del “Cantiere Europa”. Ancora una volta, il blocco è stato determinato dalle distanze apparentemente insanabili tra Nord e Sud Europa.
Dopo aver riconosciuto i progressi compiuti nelle ultime settimane – cosa che aveva già fatto pochi giorni prima il commissario europeo per gli Affari economici, Paolo Gentiloni, constatando come «in un paio di settimane [fossero state prese] misure che solo pochi mesi fa erano impossibili da immaginare[2]» –, la discussione si è spostata sui provvedimenti di breve e lungo periodo utili a fronteggiare l’emergenza Coronavirus e gli esiti che ne deriveranno.
Il confronto, a detta del presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, ha rappresentato l’occasione per «uno scambio politico estremamente denso, intenso e di qualità per proiettarci nelle settimane e nei mesi a venire»[3].
In vista del vertice, i leader di Belgio, Francia, Grecia, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Portogallo, Slovenia e Spagna, avevano indirizzato una lettera proprio al presidente Michel, nella quale invocavano la necessità di «una risposta coordinata a livello europeo» che contemplasse l’implementazione di «azioni straordinarie» in grado di limitare i danni economici e di preparare gli Stati (e l’UE) «a compiere i passi successivi»[4]. Un appello che è rimasto, per ora inascoltato.

Blocchi contrapposti

Lo dimostra laDichiarazione comune dei membri del Consiglio europeo – un documento, nel quale sono riportate le cinque priorità concrete sulle quali si è deciso di concentrare il lavoro dell’UE – 1) limitazione della diffusione del virus; 2) fornitura di attrezzature mediche; 3) promozione della Ricerca; 4) contrasto alle conseguenze socio-economiche; 5) sostegno ai cittadini UE bloccati in Paesi terzi. La sua approvazione ha risentito fortemente della contrapposizione fra (i soliti) due blocchi – Nord vs. Sud – nonché del clima polemico e di insoddisfazione che ne è derivato. La storia – basata su esperienze (reali) pregresse e un pizzico di pregiudizio – è ben nota: da una parte gli Stati a cui piace solo spendere e chiedere aiuti; dall’altra i Paesi decisamente più virtuosi e frugali che, non fidandosi dei primi, non hanno alcuna intenzione di farsi carico del loro debito sovrano[5].  

Una crisi simmetrica e priva di connotazione morale (in termini economici)

Nei giorni precedenti, esperti, analisti, giornalisti (tra gli altri, Beda Romano, corrispondente da Bruxelles per Il Sole 24 Ore, e Paolo Valentino, corrispondente da Berlino per il Corriere della Sera), nonché (alcuni) decisori politici avevano evidenziato come la crisi che stiamo affrontando e quella che colpì l’Eurozona ormai 10 anni fa presentino caratteristiche profondamente diverse. Anzitutto, l’attuale shock non è dovuto a una crisi asimmetrica, ma a una crisi simmetrica; non, dunque, «la crisi di un Paese e di un gruppo di Paesi, [ma] una crisi umana devastante che riguarda tutti»[6], così Centeno.
In secondo luogo – e questo è un aspetto profondamente legato al primo (tanto che potrebbe quasi essere considerato un corollario) –, l’emergenza che stiamo vivendo non ha una connotazione morale (in termini economici): non è possibile incolpare, quindi, punire nessuno Stato per quello che sta accadendo e per le difficoltà che sta fronteggiando e che dovrà fronteggiare[7]. Sulla base di queste considerazioni si era fatta strada, forse con troppo ottimismo, l’impressione che i Paesi virtuosi avessero potuto mostrare maggiore sensibilità, ammorbidendo e smussando le proprie posizioni, soprattutto in tema di attivazione di «comuni strumenti fiscali a sostegno degli sforzi nazionali e a garanzia della solidarietà finanziaria»[8]. Così non è stato.

Appuntamento fra una settimana

Il non-accordo a livello intergovernativo traspare sia dall’assenza di riferimenti agli strumenti ipotizzati per sostenere le economie dell’Unione, sia dalle parole conclusive della Dichiarazione comune, in cui si constata “semplicemente” l’esigenza di «iniziare a preparare le misure necessarie per tornare al normale funzionamento delle nostre società ed economie e a una crescita sostenibile, integrando, tra l’altro, la transizione verde e la trasformazione digitale e traendo dalla crisi tutti gli insegnamenti possibili. Ciò richiederà una strategia di uscita coordinata, un piano di rilancio globale e investimenti senza precedenti»[9].  
Se ne riparlerà, dunque, tra circa sette giorni, quando, si spera, si sarà compreso che, se si vuole che i cittadini UE sentano la vicinanza e comprendano l’utilità delle Istituzioni UE[10], è necessario pensare fuori dai vecchi schemi[11] accantonando « i dogmi che possono essere appropriati in tempi normali, ma non quando ci troviamo di fronte a una crisi»[12] come quella attuale; una crisi che riguarda tutti, indistintamente. In altre parole, per gli Stati membri dell’Unione, è giunto il tempo di scegliere se continuare a vivere (non a vivacchiare!) uniti oppure dissolversi.


[1] Remarks by Mário Centeno following the Eurogroup videoconference of 24 March 2020.
[2] Remarks by Commissioner Gentiloni at the Eurogroup press conference.
[3] Remarks by President Charles Michel after the video conference of the members of the European Council on COVID19. Vedi anche Cillis, L., “Coronavirus, Consiglio europeo: raggiunto un accordo dopo l’attacco di Conte”, in La Repubblica, 26.3.2020; Sc., “Coronavirus: l’Ue arriva divisa al vertice, scontro sul Coronabond”, in RaiNews, 26.3.2020; Sc., “Coronavirus: nessun accordo sui coronabond. l’Ue si prende due settimane”, in RaiNews, 27.3.2020; Sc., “C’è un’altra vittima del Coronavirus: l’Unione europea che non sa proteggersi rischia di morire”, in Open Online, 27.3.2020.
[4] Cfr. Lettera al presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, del Presidente Conte e dei leader di Belgio, Francia, Grecia, Irlanda, Lussemburgo, Portogallo, Slovenia e Spagna.
[5] Bonini, E., “Coronavirus, l’Eurogruppo si blocca: sa che va fatto di più ma non sa decidere. La parola ai leader UE”, in eunews, 24.3.2020.
[6] Remarks by Mário Centeno following the Eurogroup videoconference of 24 March 2020.
[7] “L’impatto del Coronavirus sul quadro europeo”, in Atti del forum di Affari Internazionali, 20.3.2020.
[8] Lettera al presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, del Presidente Conte e dei leader di Belgio, Francia, Grecia, Irlanda, Lussemburgo, Portogallo, Slovenia e Spagna. Vedi anche Sc., “Conte, Macron e altri leader Ue scrivono per chiedere i Coronabond”, in RaiNews, 25.3.2020.
[9] Dichiarazione comune dei membri del Consiglio europeo.
[10] Pirozzi, N., “Un vaccino per l’Europa politica”, in Huffpost, 16.3.2020.
[11] Cfr. De Grauwe, P., “ECB needs to finance coronavirus budget deficits”, in CEPS, 21.3.2020 e Dichiarazione del presidente Mattarella sull’emergenza Coronavirus, Palazzo del Quirinale, 27.3.2020.
[12] De Grauwe, P. op. cit.

28 Shares:
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
Ragazzi dietro una scrivania che parlano
LEGGI

Workshop: Perché non possiamo non dirci europei (III)

Perché non possiamo non dirci europei, questo il titolo dei tre workshop organizzati dall’Osservatorio Germania Italia Europa (OGIE) rispettivamente il 5 marzo, 26 marzo e 9 aprile 2019 presso la Libera Università Maria Ss. Assunta (LUMSA) di Roma. L’ultimo incontro di questo ciclo di eventi sul tema dell’identità europea – moderato dall’osservatore Cesare Bellomo – ha visto protagonisti, in qualità di relatori, S.E. l’Ambasciatore Roberto Nigido e il Professor Matthew Fforde.
LEGGI
Renzi e Merkel insieme che sorridono
LEGGI

Il referendum costituzionale in Italia: il punto di vista tedesco

Per la Germania il 4 dicembre rappresenta una data importante; una data che potrebbe portare, a livello europeo, un grande cambiamento, una svolta. Se da un lato, infatti, dopo un anno di lotta elettorale, l’Austria torna alle urne per eleggere il suo presidente - un ballottaggio che vede scontrarsi per la seconda volta il candidato dei Verdi, Alexander Van der Bellen, e l'esponente dell'estrema destra, Norbert Hofer, -, dall’altro vi è il referendum costituzionale in Italia.
LEGGI
Manifestazione in catalogna per indipendenza, folla per strada e bandiere
LEGGI

Catalogna: la non indipendenza?

Domenica primo ottobre si è svolto nella regione autonoma della Catalogna, il referendum sull'indipendenza dalla Spagna. Il quesito posto ai catalani sulla scheda elettorale era molto semplice: “Vuoi tu che la Catalogna diventi uno Stato indipendente?”. Di quella giornata però, hanno fatto molto più scalpore le immagini di violenza esercitata dalle forze dell’ordine nei confronti dei catalani. Presentand
LEGGI