“Der Stubenhocker”: eccomi!

Definizione Stubenhocker divertente

Cari amici della Rubrica #Babele, eccoci qui. Siamo tornati e con noi portiamo una gran dose di simpatia e voglia di scherzare. Se siete del nostro stesso avviso, oggi giochiamo con un po’ di autoironia: eccomi, sono una Stubenhockerin.

Durante la pandemia del Covid-19, abbiamo ricevuto tutti, nessuno escluso, l’invito a rimanere a casa. Niente più corse in metro per andare al lavoro, niente più serate con gli amici o pranzi di famiglia che terminavano rotolando giù per le scale. Insomma, il grido era solo uno: #StayAtHome, #RestiamoACasa.

Non è stato affatto facile, ma ci siamo impegnati. Avevamo paura di essere contagiati dal virus – e ne abbiamo tutt’ora – e, forse, qualcuno di noi ha deciso di cavalcare quest’onda. Così, dopo circa tre mesi, siamo diventati tutti un po’ Stubenhocker. Lo so, potrebbe sembrare un’offesa – e in realtà lo è, secondo i tedeschi ­­–, ma lasciatemi spiegare.

La definizione di Stubenhocker

“Der Stubenhocker” è l’insieme di due sostantivi: “die Stube”, che è il salotto di casa, proprio quello in cui hai il tuo comodo amico divano, e “der Höcker”, che è la gibbosità in termini medici, per intenderci, la gobba di Quasimodo. Una traduzione italiana di questo termine potrebbe essere “pantofolaio”.

Questo sostantivo maschile – al femminile “die Stubenhockerin” – è utilizzato di rado e in maniera del tutto colloquiale e dispregiativa, per indicare coloro che preferiscono rintanarsi in casa, rimanere accovacciati sul divano del salotto e lavorare dalla propria abitazione, piuttosto che andare a fare una corsa al parco. Sono dei fan dello smart-working e non hanno alcuna intenzione di passare una serata in discoteca. Gli amici? Ci sono! Di solito, anche loro prediligono l’essere asociali e, al massimo, organizzano una cena a casa o una “serata cinema” sul divano.

Definire qualcuno uno Stubenhocker può risultare dispregiativo, ma non in questo particolare periodo; citando Ted Mosby in How I Met Your Mother: “People make fun of the guy who stays home every night doing nothing, but the truth is, that guy is a genius”. Infatti, sempre più spesso, questo termine assume una connotazione positiva e sui siti di incontri è possibile leggere frasi come “Cercasi Stubenhocker/in con cui trascorrere le serate sul divano a mangiare pizza.” Qualcuno risponderà all’annuncio? Sono sicura di sì.

17 Shares:
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You May Also Like
Ragazzi dietro una scrivania che parlano
LEGGI

Workshop: Perché non possiamo non dirci europei (III)

Perché non possiamo non dirci europei, questo il titolo dei tre workshop organizzati dall’Osservatorio Germania Italia Europa (OGIE) rispettivamente il 5 marzo, 26 marzo e 9 aprile 2019 presso la Libera Università Maria Ss. Assunta (LUMSA) di Roma. L’ultimo incontro di questo ciclo di eventi sul tema dell’identità europea – moderato dall’osservatore Cesare Bellomo – ha visto protagonisti, in qualità di relatori, S.E. l’Ambasciatore Roberto Nigido e il Professor Matthew Fforde.
LEGGI
OGIE Logo rebranding
LEGGI

«Nuovo è (quasi) sempre meglio».

Ottobre. Le vacanze sono ufficialmente finite (per i più sfortunati non sono mai iniziate!) anche per noi dell’OGIE. Ci siamo lasciati alle spalle già da qualche giorno settembre, il più lungo lunedì dell’anno, e siamo pronti a ripartire con rinnovato entusiasmo, attività e progetti vecchi e nuovi (o da aggiornare) e... un nuovo logo!
LEGGI
Manifestazione in catalogna per indipendenza, folla per strada e bandiere
LEGGI

Catalogna: la non indipendenza?

Domenica primo ottobre si è svolto nella regione autonoma della Catalogna, il referendum sull'indipendenza dalla Spagna. Il quesito posto ai catalani sulla scheda elettorale era molto semplice: “Vuoi tu che la Catalogna diventi uno Stato indipendente?”. Di quella giornata però, hanno fatto molto più scalpore le immagini di violenza esercitata dalle forze dell’ordine nei confronti dei catalani. Presentand
LEGGI